Ultimi argomenti
» Condizioni Generali di Registrazione e Regolamento del Forum di Alzalamente
Dom Apr 29, 2012 12:49 pm Da lucrezia sebaste

» il raggio verde
Mar Set 21, 2010 5:34 pm Da arcangelo

» raccolta di foto e notizie sui ponti
Lun Mar 29, 2010 12:04 am Da francesca

» Lauretta Masiero
Mer Mar 24, 2010 6:48 pm Da arcangelo

» tempo vero
Mer Mar 24, 2010 6:43 pm Da francesca

» 2010-03-14 -Peter Graves
Mar Mar 16, 2010 8:21 pm Da arcangelo

» Spagna, in Andalusia la legge sulla morte degna e senza dolore
Ven Feb 26, 2010 1:38 pm Da arcangelo

» a cosa serve e come usarla
Gio Feb 25, 2010 10:12 pm Da francesca

» Tutto su mia madre
Mar Feb 16, 2010 8:13 pm Da francesca


Agatha Christie

Andare in basso

Agatha Christie

Messaggio Da francesca il Dom Apr 05, 2009 7:05 pm

io ho qualche dubbio in merito ma vi riporto la notizia:




Il declino mentale già intorno al 1968-70. Nel '76 la scomparsa

L'ultimo mistero di Agatha Christie, ''fu malata di Alzheimer''


L'ipotesi di due ricercatori universitari canadesi: un'analisi della ricorrenza di alcuni vocabili nei lavori della famosa scrittrice evidenzierebbe un declino delle facoltà mentali della regina del giallo negli ultimi anni della sua vita



ultimo aggiornamento: 05 aprile, ore 09:44
Londra, 5 apr. (Adnkronos) - E' l'Alzheimer l'ultimo ''giallo'' legato alla vita di Agatha Christie (1890-1976). La regina del giallo, autrice di oltre 80 romanzi venduti in più di 200 milioni di copie nel mondo, scrisse gli ultimi libri della sua lunga carriera quando ormai era malata del morbo di Alzheimer. Lo sostiene una ricerca scientifica canadese dell'Università di Toronto, condotta dai professori Ian Lancashire e Graeme Hirst esaminando quindici gialli della scrittrice inglese da lei pubblicati in un lungo arco di tempo tra i 28 e gli 82 anni.

I ricercatori universitari hanno contato, con l'aiuto di un programma informatico, la ricorrenza degli stessi vocaboli, dei termini indefiniti e definiti e la sequenza delle frasi, arrivando alla conclusione di un inesorabile declino mentale della Christie ormai già intorno al 1968-70.

Secondo Lancashire e Hirst questo declino delle facoltà mentali dell'autrice di ''Assassinio sul Nilo'' è testimoniato dall'impoverimento del suo vocabolario con il passare del tempo. Gli studiosi canadesi, secondo quanto riferisce il quotidiano londinese ''The Guardian'' che ha anticipato la ricerca, ritengono che nell'ultima fase della vita della creatrice di Miss Marple e dell'ispettore Poirot la ripetizione delle parole e dei concetti nei romanzi oscilli da un minimo del 15% a un massimo del 30%.

Un brusco calo di vocaboli è stato registrato nel romanzo ''Gli elefanti hanno buona memoria'', pubblicato nel 1972, quando Christie aveva 82 anni. Già il titolo, a parere dei ricercatori canadesi, è il segno che Agatha Christie aveva intuito di essere ormai inesorabile vittima di tutte le conseguenze dell'Alzheimer.

francesca
Admin

Numero di messaggi : 146
Età : 58
Data d'iscrizione : 15.10.08

Visualizza il profilo http://www.alzalamente.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum